Ormai da circa tre secoli, la polenta viene prodotta con granoturco miscelato assieme a grano saraceno o a semola bianca ma, in realtà, questo preparato di farina bollita in acqua salata presenta origini molto più antiche.
Polenta casereccia storiaSecondo gli studiosi di storia dell’alimentazione, i primi esempi arrivano già dai nostri antenati cavernicoli, che erano soliti macinare grani di cereali a diffusione spontanea per poi cuocerli in acqua e realizzare delle preparazioni, seppur piuttosto rozze, per certi aspetti molto simili a quelle odierne.
Un piatto diffusosi in tempi remoti che oggi, nonostante le molteplici trasformazioni, continua ad essere prodotto e consumato in ogni parte del mondo, andando ad arricchire le tavole di popoli dalle tradizioni culinarie talvolta completamente differenti.